Non solo mare

Domani Cappella di Santa Maria del Rosario di Matisse a Vence.

Durante la lunga degenza per una grave malattia, Henri Matisse sviluppò un’importante amicizia con una suora di nome Monique Bourgeois, ovvero Sœur Jacques-Marie, dell’ordine domenicano residente a Vence. Matisse, ormai ridotto sulla sedia a rotelle, si trasferì dunque da Nizza a Vence nelle vicinanze del convento della suora. Nel 1947 essa chiese a Matisse la disponibilità a progettare una cappella vicino al convento, e lui rispose affermativamente, nonostante non avesse mai sviluppato progetti architettonici. L’artista sviluppò i disegni strutturali, i dipinti al suo interno, le vetrate della cappella, l’altare e tutto l’arredo sacro, compresi gli abiti del celebrante. Quell’opera, a detta di Matisse, fu “il capolavoro della sua esistenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.